Dulcamara

Vai ai contenuti

Menu principale:

Che significato ha il termine Dulcamara?

Specie botanica officinale

Solanum dulcamara è una pianta appartenente alla famiglia delle solanacee descritta e classificata per la prima volta da Carl von Linné (Linneo), medicobotanico e naturalista svedese, considerato il padre della moderna sistematica, applicata a tutte le specie viventi.
Il prefisso "Solanum" deriva dal latino solanem, che significa conforto, con chiaro riferimento alle proprietà sedative e debolmente ipnotiche della pianta. Altresì, dulcamara significa letteralmente dolce-amara; infatti, tenendo in bocca gli stipiti di questa pianta, sulla punta della lingua si percepisce un sapore dolce, mentre sul fondo della stessa un sapore amaro.

Considerata dalla tradizione popolare come rimedio diaforetico e depurativo, ma anche diuretico, ipnotico e anafrodisiaco. La tradizione erboristica ne ha sfruttato le sue proprietà tossifughe inserendola in sciroppi assieme ad altre erbe come la poligala, la grindelia, la farfara e la drosera, nonché in preparati indicati nel trattamento di alcune malattie della pelle come la psoriasi. L'infuso dei suoi fusti privi di foglie (stipiti) è stato utilizzato nel trattamento di artriti e reumatismi.
Oggi l'utilizzo degli estratti di questa pianta è stato bandito dal ministero della salute vietandone l'inserimento negli integratori alimentari, a causa della presenza di alcuni alcaloidi. Infatti la pianta è considerata moderatamente tossica soprattutto nell'utilizzo di foglie e frutti, i quali contengono alcaloidi particolarmente attivi come la solanina e la dulcamarina, nonché il suo derivato solanidina.
Dosi eccessive possono condurre a paralisi del sistema nervoso, ipotermia, bradicardia con conseguente rallentamento della respirazione; inoltre può provocare vertigini e forti convulsioni che possono rivelarsi anche estreme.

Erboristeria Dulcamara

Il Punto Vendita

E' un'erboristeria della Toscana con sede a Sinalunga (Valdichiana) e nata nel 1979 inizialmente come laboratorio di fitocosmetici e successivamente (due anni dopo) come punto vendita di integratori, erbe e tisane, preparate estemporaneamente e formulate con la massima personalizzazione solo dopo un'accurata descrizione da parte del cliente dei propri disturbi. L'erborista del negozio (Adriano Sonnini) si è negli anni adoperato nel divulgare i più intimi segreti della fitoterapia, intesa come antica medicina che fa di sé tesoro sia della tradizione empirica che delle nuove conoscenze acquisite nei centri di ricerca di tutto il mondo. Erboristeria Dulcamara ripudia da sempre il concetto di "medicina alternativa", considerandolo fuorviante e non attinente ad una moderna visione della medicina intesa come strumento la cui finalità è la guarigione (o la cura) e non la dimostrazione velleitaria di un primato di efficacia e genuinità. Spesso controcorrente nel rifiuto di abbracciare false discipline propagandate dai media, ma che nulla hanno a che vedere con una visione scientifica della materia, erboristeria dulcamara si distingue sin dalle sue origini nella scelta di non introdurre "falsi preparati fitoterapici" che tuttavia si rivelano quasi sempre un'ottima fonte di guadagno.

La Vendita On Line

Prima Erboristeria online sorta in Italia, presente in rete sin dal 1995 esclusivamente con pagine web di carattere informativo e articoli di natura filosofico-speculativa, sempre strettamente inerenti alla materia erboristica. Oggi E. Dulcamara è una realtà consolidata anche in rete, essendo tra i siti più consultati dagli utenti web, non solo per effettuare acquisti on line, ma anche come fonte di informazioni, considerate dagli utenti (i nostri sondaggi lo confermano) tra le più attendibili di quelle reperibili in rete. Lontani da una visione miracolistica che non gli appartiene, E. Dulcamara si è nondimeno impegnata nella ricerca di una collaborazione con la classe medica più aperta, al fine di condividere, oltre che divulgare, i preparati galenici fitoterapici più efficaci e, contestualmente, il suo obiettivo è stato in buona parte raggiunto, grazie ad una collaborazione che si è realizzata molte volte nel corso della sua storia, e con sua soddisfazione, quasi sempre sono stati i medici a contattarla per realizzare tale scopo.

Donizetti e l'elisir d'amore

E' molto probabile che il termine "Dulcamara" susciti antiche reminiscenze della nostra memoria che conducono al personaggio di Felice Romani e tradotto in opera musicale da Gaetano Donizetti. Personaggio, a dire il vero, che incarna l'arte del ciarlatano sedicente taumaturgo. Il "dottor" Dulcamara, forte della sua capacità persuasiva, si guadagna la fiducia dell'ingenuo Nemorino, un contadino perdutamente innamorato della bella Adina, al quale riesce a vendere un vino francese spacciandolo per un potente elisir d'amore. Nemorino, dopo aver speso tutti i suoi guadagni per conquistare Adina, certo dell'efficacia dell'elisir, attrae su di sé non solo la collera dell'amata, ma anche parte del pubblico ludibrio. Quasi per miracolo, dopo molte peripezie e fatalità che giocano a suo favore, egli  conquista, suo malgrado, l'agognato amore. Paradossalmente il mistificatore venditore di illusioni, trae vantaggio dall'epilogo di questa vicenda al punto di essere portato in trionfo dal popolo che acquista gran quantità del suo elisir.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu